Progettazione Impiantistica

Mazzei Architects attua fin dalla sua nascita l’integrazione Architettura-Impianti quale fattore di qualità nella progettazione e realizzazione di costruzioni complesse.

Nell’ambito impiantistico può sviluppare con figure professionali dedicate specifiche le seguenti discipline:

IMPIANTI ELETTRICI

Progettazione preliminare definitiva ed esecutiva di impianti elettrici

Analogamente a quanto già esposto in relazione alla progettazione ed alla posa in opera degli impianti meccanici, la nostra azienda sarà in grado di mettere a disposizione dei propri clienti anche il know-how, l’esperienza, la qualità certificata e tutta la propria professionalità anche per la realizzazione di impianti elettrici.

Tanto quanto nelle situazioni precedentemente descritte, anche in tal caso la realizzazione di questi impianti passa necessariamente attraverso tre fasi distinte e non sovrapponibili: quella preliminare, quello definitiva ed infine quella esecutiva, tutte e tre nei fatti parallele a quelle propedeutiche agli impianti meccanici.

Dopo una attenta analisi e valutazione sia del progetto dell’impianto che del contesto entro cui sarà inserito – caratteristico della fase preliminare – subentra dunque il momento di redigere e richiedere tutti i documenti e i nulla osta amministrativi alla posa in opera, per poi giungere alla realizzazione effettiva dell’impianto, ossia rispettivamente le fasi definitive ed esecutive.

Impianti forza motrice

Con questa formula, per lo più nota agli addetti ai lavori del settore, si intendono le comuni prese elettriche, delle più diverse e svariate forme e potenze.

Come è logico, lo scopo delle prese è quello di permettere un rapido e funzionale collegamento per usufruire di apparecchiature elettriche.

Tanto quanto la loro distribuzione dovrà essere studiata e concepita con cura – per garantire agli inquilini o a coloro che vi si troveranno a lavorare le migliori prestazioni ed il massimo comfort – anche la loro portata, ossia la potenza cui potranno dare allaccio, dovrà essere ponderata e valutata con attenzione all’intera unità abitativa o lavorativa.

Progettazione sistemi di protezione scariche atmosferiche

Se è ben nota la pericolosità di venire colpiti da un fulmine, si tende tuttavia a sottovalutare la potenzialità nociva che lo stesso evento può avere qualora interessi una struttura abitativa od un semplice fabbricato, specialmente quelli di più grandi dimensioni, naturalmente i più esposti a questa casistica.

Gli effetti nocivi di queste fattispecie, infatti, potrebbero avere delle ricadute non solo sulla funzionalità del sistema elettrico e degli strumenti ad esso collegati, bensì anche sulle persone che dovessero trovarsi all’interno della struttura al momento dell’impatto.

Per poter scongiurare questi rischi, saranno necessari dei sistemi specifici tali da rendere fattiva una protezione contro tali eventi atmosferici.

Tutti gli impianti a ciò preposti devono necessariamente essere preceduti da una minuziosa analisi e valutazione dei concreti rischi di fulminazione.

In seguito, qualsiasi struttura adibita alla protezione dagli effetti delle scariche atmosferiche dovrà rispettare le previsioni di legge.

Progettazione impianti fotovoltaici

L’impiego razionale delle fonti energetiche è un argomento che sta guadagnando un’importanza sempre maggiore e crescente con il passare degli anni, specialmente per tutto quanto connesso all’impiego e al ricircolo delle energie rinnovabili ed ecosostenibili.

Una volta fatto riferimento a queste fonti energetiche amiche dell’ambiente, la mente non può che fare l’immediato collegamento con l’energia eolica e, in particolar modo, con quella solare.

Per venire in contro a questa, come del resto a tutte le priorità e richieste dei nostri clienti, sapremo mettere a loro disposizione la nostra professionalità anche per quanto concerne la progettazione di impianti fotovoltaici, che potranno andare poi ad essere posizionati su tetti, terrazzi, altre pertinenze dei vari edifici o campi fotovoltaici a terra.

Impianti di produzione di energia elettrica

Mazzei Architects si occupa delle attività di progettazione elettrica e consulenza dei seguenti IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA, nello specifico operiamo nei settori:

  • Impianti di cogenerazione;
  • Impianti eolici;
  • Impianti idroelettrici;
  • Progettazione di “impianti di rete” per la connessione alla rete elettrica di distribuzione
    pubblica;
  • Verifica e prova del Sistema di Protezione d’Interfaccia per impianti allacciati in bassa
    tensione e in media tensione.

Analisi rischi specifici ATEX

Ove si parli di impianti elettrici è naturale nonché doveroso porre in essere ogni tipo di indagine, fattiva o preliminare, sugli eventuali elementi di rischio della posa in opera o
relativi al funzionamento degli stessi.

Proprio per questo diventano fondamentali le analisi e le previsioni di rischio denominate ATEX, ossia conformi ai disegni ed alle
previsioni di legge.

Questo tipo di analisi si concreta in un’esamina dei rischi e dei fattori potenziali di rischio circa fenomeni esplosivi, in seguito al quale vengono realizzati dei prospetti atti a monitorare le varie porzioni dell’edificio che potrebbero risultare esposte a simili fenomeni.

IMPIANTI MECCANICI

Progettazione impianti di riscaldamento, condizionamento, gas metano, fluidi industriali, idraulico sanitari, scarico, ricambi d’aria

Mazzei Architects offre ai suoi clienti e committenti anche delle qualifiche specifiche, le quali ci permetteranno di realizzare passo dopo passo anche le varie fasi di progettazione per tutto ciò che riguarda e concerne gli impianti meccanici.

In questo sottoinsieme ricade una vasta gamma di tecnologie, dagli impianti di riscaldamento con tutti i vari combustibili di riferimento, ai servizi di scarico, fino agli impianti di ricircolo d’aria, siano essi da destinare ad edifici di uso civile o meno.

Per tutte queste varie tipologie, sono comunque ugualmente previste tre fasi necessarie, dalla cui combinazione scaturirà poi il risultato finale: il piano preliminare, quello definitivo ed infine quello esecutivo.

Il piano preliminare è destinato alla concezione dell’impianto da realizzare e di tutte le
sue caratteristiche, così come quelle dell’ambiente cui verrà inserito e per il quale dovrà essere messo in funzione.

In seguito, si passa al piano di progettazione definitivo,
all’interno del quale vengono gestite tutte le autorizzazioni necessarie alla posa in opera ed alla messa in funzione dell’impianto.

Infine, il progetto diviene esecutivo, verrà quindi realizzato nel rispetto delle normative e dei permessi richiesti, in conformità a quanto concordato, calcolato e sancito nelle fasi progettuali precedenti.

Verifica degli edifici secondo quanto prescritto dalla L.10/91, D. Lgs. 192/05 – D.Lgs. 311/06

Questo tipo di documentazioni rispondono alla già nota esigenza di monitorare e razionalizzare quanto più possibile i consumi energetici.

Nella fattispecie, queste specifiche verifiche sono rivolte al rapporto tra l’edificio e l’impianto di riscaldamento e
ricoprono una grande importanza per tutte le nuove costruzioni.

Più precisamente, questo tipo di modulistica sarà perentoria ed obbligatoria in caso di edifici di nuova costruzione, demolizioni, attività di ricostruzione propriamente detta, riqualificazioni termiche o energetiche e persino tutte le attività di ristrutturazione che interessino più del 15% della volumetria dell’edificio.

Anche qualora si ritenga necessaria solamente la rimessa a nuovo di un sistema energetico – e quindi non dell’intero edificio o di una sua parte consistente – come del resto anche qualora si intendano sostituire i generatori di calore, andranno redatte e compilate queste specifiche modulistiche che già da più di quindici anni danno a questi profili una disciplina autonoma.

Pratiche autorizzative da istruirsi presso le ASL di competenza territoriale

Nell’attività edilizia può talora rendersi necessario anche interpellare l’autorità sanitaria, laddove la legge lo prescriva come condizione di procedibilità e come aspetto necessario.

Nel caso, ad esempio, di future aperture di attività produttive o rivolte al pubblico, viene prescritto il rilascio di un nulla osta da parte dell’azienda sanitaria territorialmente competente.

Non essendovi un elenco tassativo dei casi in cui questa documentazione sia da considerarsi obbligatoria, sarà onere del procedente interpellare le autorità sanitarie affinché queste ultime rilascino un parere non ostativo – ossia non dirimente – tale da certificare la sussistenza delle caratteristiche igienico sanitarie legalmente prescritte.

Con questo parere, e con le relative brevi analisi ad esso collegate, verrà infatti verificata la conformità del luogo alle prescrizioni di legge, oltre alla sua salubrità.

In caso di nuove costruzioni o di ristrutturazioni che interessino una parte sostanziale dell’edificio, ottenere questo tipo di documentazione richiederà analisi e controlli più approfonditi.

Pratiche ISPESL relative a impianti termici

Con la sigla ISPESL, fino a poco fa si faceva riferimento all’istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro.

In seguito ad una legge del 2010, questo ente non esiste più e le sue funzioni sono state assorbite dal più noto INAIL, ossia l’istituto nazionale per l’assicurazione per gli infortuni sul lavoro.

Eccezion fatta per il cambio di sigla, le modulistiche e la gamma di casi e fattispecie cui fanno riferimento rimangono tuttavia sostanzialmente invariate.

Ecco infatti, che la pratica ISPESL ora viene definita pratica INAIL e fa riferimento a tutti quegli impianti termici con una potenzialità superiore ai 35kW.

Questo documento è obbligatorio unicamente per gli impianti che presentino questa caratteristica peculiare, il che assume un’importanza ulteriore qualora si parli dell’installazione di nuovi impianti o della ristrutturazione – totale o parziale – di sistemi preesistenti.

Analogamente ad altre procedure burocratiche, questo tipo di documentazione va necessariamente completato e presentato prima dell’inizio dei lavori e della messa in opera, in seguito al deposito dei documenti l’INAIL effettuerà i dovuti controlli e le verifiche necessarie a garantire il rispetto delle normative vigenti.

IMPIANTI ANTINCENDIO

Istruzione di pratiche di prevenzione incendi

Altro passo chiave nella progettazione e nella realizzazione di un nuovo edificio, sarà tutto quello che andrà a riguardare i documenti e le verifiche cui i locali dovranno essere sottoposti perché ne sia verificata la conformità alle norme anti incendio previste dalla legge.

Un ruolo importante in questo senso verrà ricoperto dalla destinazione ultima che il locale andrà ad avere: in base all’attività che vi verrà svolta all’interno, infatti, varieranno le categorie di rischio entro cui quest’ultimo potrà essere ascritto.

Per tutte quelle attività considerate a basso rischio – vale a dire aziende, uffici, scuole ed attività commerciali di modeste dimensioni – non saranno necessarie ulteriori lungaggini burocratiche, in quanto ricomprese nella segnalazione certificata di inizio attività redatta prima che cominciasse la posa in opera.

Per tutte le altre attività, di dimensioni ingenti o tali da comportare maggiori rischi di roghi ed incendi, la legge prevede la redazione di una valutazione di conformità, che avrà un tempo di approvazione massimo di 60 giorni, dopo i quali verranno ultimati i controlli contestualmente ad un sopralluogo sul posto.

ottenimento parere di conformità e certificato di prevenzione incendi

Al termine delle procedure di controllo precedentemente descritte, verrà rilasciato un parere di conformità, necessario affinché si asseveri che ogni fase – da quella progettuale a quella di posa in opera – che andrà a comporre il nuovo edificio o la nuova unità abitativa, rispecchi e rispetti alla lettera quanto legalmente prescritto in materia di prevenzione di roghi ed incendi.

Il documento che certifica il rispetto delle previsioni normative in materia di incendi è noto come Segnalazione Certificata Inizio Attività, o SCIA Antincendio, e viene inviato al comando dei vigili del fuoco della provincia di competenza territoriale da Professionista abilitato.

Il suo valore è perentoriamente fissato in non più di cinque anni, al termine dei quali andrà rinnovato.

"Progettazione esecutiva di impianti rivelazione automatica fumo - incendio, spegnimento manuale ad acqua con idranti a muro DN 45, spegnimento automatico sprinkler."

Oltre al lato più strettamente burocratico, saremo anche in grado di offrire ai nostri clienti una vasta e dettagliata gamma di scelte per sistemi di prevenzione e messa in sicurezza di eventuali incendi.

Per poter tutelare la sicurezza e l’incolumità in ogni fattispecie ed evenienza, infatti, forniamo come opzione la progettazione di impianti di rilevazione automatica di fumo o principi di incendio, tali da poter monitorare e mantenere sotto controllo ogni porzione di un edificio o unità abitativa.

Oltre agli impianti di prevenzione e controllo, la nostra progettazione potrà comprendere anche tutta una serie di soluzioni per la messa in sicurezza di eventuali roghi o incendi già nelle loro fasi iniziali, come ad esempio idranti a muro per lo spegnimento manuale, quanto non piuttosto dei più sofisticati sistemi di spegnimento automatico con diffusori al soffitto.

Predisposizione della gestione dell’emergenza, elaborazione del piano di emergenza, piano di evacuazione, planimetrie e istruzioni da applicare a parete e registro dei controlli antincendio

Se la documentazione burocratica sulla conformità normativa, i dispositivi di prevenzione ed intervento in caso di incendio sono assolutamente necessari in previsione di un nuovo edificio, lo stesso dovrà dirsi per tutto quanto concernerà le misure pratiche di gestione di emergenze ed eventuali situazioni di crisi.

A scopo precauzionale e di modo da essere sempre preparati a fronteggiare anche situazioni critiche e potenzialmente pericolose, si varano infatti i piani di emergenza e di evacuazione, tali da rendersi necessari qualora si verifichino eventi di eccezionale gravità che possano mettere a repentaglio la sicurezza e l’incolumità delle persone presenti nell’edificio.

A questo proposito, andranno predisposti dei modelli informativi standard da esibire alle pareti, intuitivi e di facile consultazione per poter garantire un piano di emergenza tanto efficace quanto sicuro in ogni sua parte e per ogni persona presente.

progettazione

architettonica

progettazione

impiantistica

progettazione

strutturale

project

management

bim

management

servizi

tecnici